Cosa nasconde il sale integrale marino?
15 Aprile 2019
Vitamine per la pelle
14 Giugno 2019

È un nutriente essenziale per l’uomo.

Serve per rinforzare ossa, cartilagine, muscoli, vasi sanguigni, denti e gengive e favorisce l’assorbimento del ferro.

Si trova in molti alimenti, soprattutto frutta e verdura e in particolare negli agrumi.

La dose giornaliera consigliata per un adulto sano è di 60 mg.

Di cosa parliamo? Di Vitamina C!

Le fonti principali e naturali di Vitamina C, oltre ai classici agrumi, sono pomodori, peperoni, fave, piselli, frutti di bosco, kiwi e verdura verde come spinaci, broccoli, cavoli ma anche in fragole e meloni. Vediamo alcune nozioni di base sul metabolismo dell’acido ascorbico, alias Vitamina C.

L’acido ascorbico assunto con la dieta viene assorbito a livello dell’intestino tenue con un meccanismo di diffusione semplice. Il suo destino finale è quello di essere distribuito agli organi a elevata attività metabolica come fegato, pancreas, cervello, reni, milza e corteccia surrenalica.

Il tessuto muscolare e quello adiposo contengono soltanto tracce di questa vitamina. La Vitamina C è estremamente delicata e si ossida facilmente con l’aria, è instabile a pH neutro o alcalino, è molto sensibile alla cottura (perdite fino al 70%), viene distrutta dalla disidratazione, non resiste all’invecchiamento. Per questa motivo è bene consumare frutta e verdura appena tagliati, verdura cruda o poco cotta, e succhi appena preparati.

A cosa serve la vitamina C?

La vitamina C apporta molti benefici al nostro organismo, tra cui:

  • Favorire l'assorbimento intestinale del ferro
  • Aiutare i tessuti a restare giovani contrastando i radiali liberi e aiuta la salute di denti e gengive
  • Favorire la produzione di collagene per avere una pelle sana e combattere le rughe
  • Contribuire a facilitare la guarigione di fratture e ferite
  • Curare l'anemia e le infezioni delle vie urinarie
  • Abbassare i livelli di colesterolo, trigliceridi, glicemia
  • Prevenire il raffreddore e i malanni di stagione

Quando assumere gli integratori?

Gli integratori di vitamina C sono consigliati solo in casi eccezionali o in presenza di determinate patologie. È infatti sbagliata l'idea di assumere vitamina C senza che ce ne sia necessità perché un abuso può portare insonnia e agitazione. È consigliabile assumerla dagli alimenti per non avere effetti collaterali e, nel caso di integratori, vanno assunti lontano dai pasti, preferibilmente la mattina.

Vitamina C per i capelli?

Assumere costantemente la vitamina C aiuta a far crescere i capelli più velocemente rendendoli forti e sani: un rimedio naturale che fortifica i capelli può essere preparato in casa facendo lessare una patata dolce e aggiungendo mezza tazza di ribes bianco, tre fragole e qualche cubetto di peperone rosso. Dovrete tritare il tutto fino a ottener un composto cremoso che dovrete applicare sui vostri capelli lasciandolo in posa per 20 minuti prima di risciacquare: la vostra chioma sarà subito più sana e morbida. La vitamina C è fondamentale anche per la salute delle unghie, perché ne mantiene l'integrità e le rende più forti, contrastando anche la comparsa delle fastidiose pellicine.

Vitamina C per la pelle?

La vitamina C è uno dei più efficaci antiossidanti, apporta quindi molti benefici alla pelle. È un ottimo antirughe, ha effetto schiarente per le macchie e favorisce il ricambio cellulare, utile anche in caso di pelle con brufoli e acne. Si può usare in siero per una maggiore efficacia dato che i sieri di solito contengono dal 3 al 20% di vitamina C e la sua formulazione penetra con maggiore profondità. Inoltre, la vitamina C stimola la produzione di collagene (che serve a mantenere giovane ed elastica la pelle) e, favorisce anche il drenaggio dei liquidi in eccesso, rappresentando un ottimo aiuto contro la cellulite.

Ci sono comunque delle controindicazioni?

Sì, infatti la vitamina C, producendo variazioni nel Ph urinario, può favorire, in soggetti predisposti, la formazione di calcoli renali. Altri effetti collaterali possono riguardare l'apparato gastro intestinale, dosi eccessive infatti possono causare bruciori di stomaco, gastrite ed acidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *